Tanti auguri BP!!!

Baden-Powell, meglio conosciuto come BP, (così viene abbreviato Robert Stephenson Smith Powell, fondatore del movimento scout), nacque a Londra il 22 Febbraio 1857. Era figlio di un pastore Protestante, reverendo J.Powell e di Henriette Grace, dodicesimo di quattordici figli, settimo maschio di quella bella tribù. A soli tre anni, rimase orfano del padre e la madre, donna eccezionale, restò sola a tirar su quel battaglione di figliuoli. BP nutrì sempre per lei non solo amore, ma ammirazione e quando nel 1914 ella morì, le dedicò alcune pagine, forse tra le sue migliori. Da giovane frequentò il collegio di Charterhouse, ma non eccelleva negli studi, anzi potremmo dire che si applicava molto poco allo studio. Infatti amava molto di più scorrazzare nei boschi vicino al collegio di Charterhouse, dove era entrato a 12 anni grazie ad una borsa di studio, in essi cominciò a conoscere, amare e vivere a contatto con la natura. Appena diciannovenne divenne ufficiale e giunse in India, a Bombay, dove rimase per otto anni. Il suo coraggio e l’abilità d’esploratore, gli permisero di avere una carriera molto rapida. Baden-Powell, divenne un eroe e fu promosso al grado di Maggior Generale. Re Giorgio V gli conferì il titolo di Lord. In “La mia vita come un’avventura” ricordando quest’evento scriverà: l’uomo che quella sera dormiva sul mio letto era un uomo felice. Nel 1907 sviluppò l’idea dello Scoutismo e scrisse “Scouting for Boys”; lo stesso anno si terrà sull’isola di Brownsea, con 6 tende prese in prestito dall'esercito e 20 ragazzi tra i 12 ed i 16 anni, il primo campo Scout che il mondo abbia visto. Nel 1910 diede le dimissioni dall’Esercito, per potersi occupare soltanto del Movimento scout, cosa che fece sino alla fine della sua vita. Morì nel gennaio del 1941, alla vigilia del suo 84° compleanno. L'ultimo messaggio che mandò agli Scout di tutto il mondo mentre ancora infuriava la guerra, fu una parola di speranza: "La mia vita è stata molto felice, e quindi desidero che ognuno di voi abbia una vita altrettanto felice. Cercate di lasciare il mondo un po' migliore di come lo avete trovato. E quando sarà la vostra ora, potrete morire sereni nel pensiero che avrete fatto del vostro meglio”.

Durante le vacanze invernali gli scouts di Fiorenzuola hanno organizzato due campi: quello per le coccinelle e i lupetti, a Spettine, sul tema di Pinocchio e quello degli scouts e delle guide, tenuto a Pozzolo, anche se ambientato nelle highlands della Scozia. Il Clan ha invece compiuto una route nel casentinese durante il “ponte dell’Immacolata”, due giorni a Veggiola il 12 e 13 gennaio. Grazie all’impegno dei capi queste esperienze (tutte quante) possono avere meritato un giudizio brillante, a tutti è parso che le attività fossero riuscite perfettamente, pertanto senza peccare di superbia a tutti gli scouts di Fiorenzuola io darei un bell’“ottimo”.

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per saperne di più circa i cookie utilizzati, clicca su 'Più informazioni'.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.